Testimonials – Recensioni

Consigliato da matrimonio.comRoberto Bozzo Fotografo, vincitore Wedding Awards 2014 matrimonio.com
Da Eleonora
Dal primo momento che ti abbiamo conosciuto non abbiamo avuto dubbi che saresti stato il fotografo del nostro matrimonio, e non ci sbagliavamo.Hai saputo fermare nel tempo i momenti più importanti più emozionanti più belli più magici di quel giorno con freschezza, spontaneità e originalità unite ad una grande professionalità.Siamo rimasti veramente soddisfatti della qualità del servizio. Le foto sono stupende sembrano “vive” e ogni volta che le guardiamo suscitano in noi forti emozioni, inutile dire che sei riuscito a catturare i momenti più belli del giorno più importante e indimenticabile della nostra vita. Le nostre foto parlano di noi del nostro amore e della nostra felicità. Roberto in maniera “speciale” ed unica fai del tuo lavoro un ‘opera d’arte. Grazie di cuore! Fawzja Eleonora e Fabio
Da Roberta

Abbiamo conosciuto Roberto Bozzo quando una coppia di nostri amici ci ha fatto vedere l’album di nozze. Che dire? Eravamo in preda alla confusione dei preparativi, ma ci è stato subito chiaro che volevamo lui! L’album che ci hanno mostrato era bellissimo ed originale, non la classica sequenza di foto noiose e tutte uguali, ma la storia del loro giorno più importante narrata pagina dopo pagina. Fin dal servizio prematrimoniale, Roberto si è dimostrato disponibile e professionale, ci ha dato numerosi consigli ed aiutato a rompere il ghiaccio. Il giorno del nostro matrimonio è stata una presenza preziosa e mai invadente ed ha saputo cogliere scatti meravigliosi, da poster, senza sforzo, impegnandosi sempre per trovare situazioni nuove e mai banali e soprattutto senza trascinarci via per ore, ma lasciandoci tutto lo spazio per goderci anche la festa. È rimasto con noi fino a tardi ed è stato disponibile ad assecondare le richieste anche dei nostri invitati, fatto che abbiamo apprezzato tantissimo. Ci ha aiutato moltissimo, con pazienza ed attenzione nel difficile compito di scegliere le foto da inserire nell’album (erano tutte veramente belle) ed è stato disponibile a prepararci i biglietti di ringraziamento a tempo di record, così come a consegnarci il nostro bellissimo album finito e le copie per i nostri genitori prima che partissimo per il nostro viaggio di nozze. Infine, fatto che non guasta, ci è venuto sempre incontro anche sul prezzo, che abbiamo trovato più che onesto. Non solo ci sentiamo di consigliarlo vivamente a tutti i futuri sposi, ma il nostro consiglio personale è: scegliete un ottimo fotografo e casomai risparmiate su qualcos’altro, perchè gli scatti di un professionista come Roberto saranno per sempre l’indelebile ricordo di un giorno meraviglioso che vola via troppo in fretta!

Da Massimo Carboni
Ciò che abbiamo gradito nel servizio fotografico di Roberto Bozzo è la sua capacità di cogliere gli attimi più belli senza le snervanti pose. Le sue foto trasmettono emozioni ogni volta che le guardiamo.
Da Anna Bruschi
Foto uniche nel loro genere…abbinate alla fantasia del fotografo sono venute benissimo sembrano dei piccoli poster,
la sua disponibilità è stata completa (e pure la sua simpatia) e ha contribuito a esser il giorno più bello della vita con un mucchio di ricordi
Da Maria
Ci siamo affidati a Roberto Bozzo, perché abbiamo sentito parlare dei suoi servizi fotografici da dei nostri amici
a dir poco entusiasti e noi ne abbiamo avuto la conferma in prima persona.
Abbiamo trovato Roberto, una persona disponibile gentile e molto professionale ha cercato di soddisfare tutte le nostre richieste con un risultato eccellente.
Avevamo paura di dover fare foto in posa tutta la giornata invece non è stato così,
non ci siamo resi conto di tutte le foto che ci ha scattato fino al giorno che le abbiamo scelte insieme , ma quando avevamo bisogno era sempre presente.
Oltre ad aver realizzato uno splendido lavoro, la più grande soddisfazione ci è arrivata con
i complimenti degli invitati che hanno apprezzato la sua disponibilità e discrezione,sicuramente lo consiglieremo a tutti i nostri amici e conoscenti.
Grazie
Da Silvia
Proprio ieri ho riguardato l’album del matrimonio e trovo che ogni volta che lo guardo mi piace sempre di più. La qualità del servizio è ottima e Roberto fa delle foto davvero fantastiche!!! Inoltre vi assiste anche nella fase di scelta delle foto (che vi assicuro che è fondamentale) aiutandovi a comporre l’album dandovi consigli molto preziosi.
Io alla fine ho aggiunto 30 pagine in più da quante foto meravigliose c’erano!!
Grazie Roberto per questo bellissimo ricordo che ci rimarrà per sempre!
Silvia e Fabio.
Da Barbara
Roberto ci ha messo a nostro agio durante le vare fasi, dai preparativi, al giorno delle nozze fino alla consegna del lavoro ultimato. La sensazione sfogliando l’album è quella di “vivere il momento”.
Giudichiamo il lavoro di Roberto eccellente.
Barbara e Paolo
Da Giulio
Un GRAZIE a Roberto per il lavoro svolto, ci hai fatto sentire a nostro agio, un Amico con la A maiuscola.
Lo splendido lavoro che hai fatto con le partecipazioni dove noi eravamo vestiti in abiti del ’700 è un ricordo bellissimo che porteremo sempre nel cuore. Il giorno del matrimonio hai fatto delle foto fantastiche, hai saputo cogliere gli attimi più suggestivi della cerimonia. Le foto su tela sono dei veri capolavori, una l’abbiamo fatta diventare un quadro.
Un GRAZIE per questo bellissimo ricordo.
Laura e Giulio
Da Luciana
…futuri sposi…….consiglio vivamente Roberto Bozzo !!! Una persona fantastica e professionale . Ha saputo immortalare il nostro matrimonio in una maniera unica !!!………………….qualita’ fotografica,grande capacita’ intutitiva per cogliere l’attimo delle gesta nei momenti salienti della cerimonia, lontano dai soliti album fotografici……….il suo è tutta un’altra storia……dalla carta alla rilegatura ! Chiunque abbia visto il nostro album ……..ha espresso pareri assai positivi ma sopratutto ci hanno chiesto il suo numero di telefono !!!………………comunque sia il suo lavorato per spiegarlo bisogna guardarlo!!
ha qualcosa di veramente magico ……………………………………………..come quel giorno.
ancora grazie …………………………..Luciana & Luca

Reportage – Australia in Vespa

AUSTRALIA

IN VESPA

UN SOGNO LUNGO 20.000 KM

 

Oggi é il primo luglio, la tensione é alta, nella  mia mente scorrono come in un film  tutti i lunghi preparativi, le serate, i week-end passati in garage a pensare e attuare le modifiche che ritenevo necessarie per rendere  più sicura la mia vespa nell’affrontare questo lungo viaggio..

Finalmente sono a Sydney e dopo aver sdoganato la vespa, nel giro di una mattinata, sbrigo tutte le pratiche burocratiche, cosa in Australia  molto semplice. La città si presenta molto pulita e ordinata e la famosa baia è veramente fantastica.

1093 Australia 015 Australia 012 Australia

Inizio il mio viaggio lasciandomi alle spalle il ponte “Harbour Bridge”.

Il tempo è uggioso e davanti a me ci sono circa 1800 Km per arrivare ai 12 Apostoli. Sono nel sud dell’Australia e nella stagione invernale il freddo e le piogge  non mi risparmiano le temperature sono prossime allo zero.

145 Australia 149 Australia 147 Australia

In compenso i panorami che mi scorrono davanti sono stupendi: foreste, prati, i canguri, purtroppo investiti dai famosi camion australiani,  i road train, che arrivano fino a 60 metri di lunghezza.

054 Australia  055 Australia  046 Australia

Sono passati 5 giorni e la tappa più fredda e bagnata del mio viaggio è quasi terminata. Entro nella città di Melbourne e l’impressione che ho è di una città diversa rispetto a Sydney, sempre pulita, ma con uno stile più inglese. Dopo una breve visita riparto, perché stasera voglio essere al tramonto davanti ai 12 Apostoli.

La Great Ocean Road, una delle strade costiere più affascinanti dell’Australia; la fortuna mi assiste, la giornata è soleggiata, i tornanti che sto affrontando mi ricordano l’Aurelia ligure, l’unica differenza è che davanti a me ho le onde dell’oceano.

071 Australia 082 Australia 080 Australia

Verso il tramonto arrivo ai 12 Apostoli e quello che si presenta ai miei occhi mi lascia senza fiato. Queste 12 rocce sparse nell’Oceano, alte fino a 50 metri, sono uno spettacolo senza eguali, come a testimoniare, la forza e la continua erosione dell’Oceano nei millenni sulle splendide coste di questa terra.

La notte mi fermo a dormire nel caravan park della vicina cittadina di Port Campbell. In Australia i caravan park sono eccellenti, puliti e ben organizzati e soprattutto sono un punto d’incontro per gli aussies (australiani). L’affabilità degli aussies è una delle cose che mi ha colpito di più e il loro modo di porsi nei confronti del prossimo è da ammirare, ad esempio quando ci s’incontra ci si saluta sempre, magari con il loro modo simpatico e originale g’day maid.

Mi lascio l’oceano alle spalle e punto dritto verso l’interno, dove inizierò la parte più impegnativa del mio viaggio.

150 Australia

Port Augusta. Mi rifornisco di generi alimentari, faccio una verifica che la vespa sia a punto e via, qui inizia il vero OUT BACK. Lascio la Stuart Highway all’altezza di Woomera e affronto la mia prima pista di terra rossa, che si chiama Oodnadatta molto conosciuta dagli aussies, che mi porterà a visitare Andamooka miniera d’opale, meno turistica di Cooper Pedy.

095 Australia 108 Australia 114 Australia

Dopo pochi Km, attorno a me si verifica quello che aspettavo da giorni: il NULLA; è una sensazione particolare, guardare  verso un orizzonte infinito e quando ci si guarda attorno, il panorama è uguale per 360°, ci si sente liberi e Km dopo Km si entra sempre di più in questa nuova dimensione. A tratti può dare qualche preoccupazione, specialmente quando il motore da problemi, ma l’importante è non perdere la calma e concentrarsi sul da farsi. Raggiungo Andamooka, cittadina dove la gente vive ancora una vita dura, alla ricerca della fortuna, un filone d’opale. La serata la passo attorno ad un fuoco a chiacchierare con dei minatori, sorseggiando dell’ottima birra australiana.

111 Australia  096 Australia   117 Australia

Prossima tappa Cooper Pedy, circa 500 Km di pista. Un cartello all’uscita della città mi avverte di portare acqua e benzina a sufficienza e non è molto rassicurante. Guidare sulle piste australiane è molto impegnativo, specialmente con una vespa, non è permesso distrarsi, nemmeno per un secondo, per il semplice motivo, che il fondo stradale cambia in continuazione, sabbia, rocce, terra e poi di nuovo sabbia e così via, questa alternanza ti fa cambiare tipo di guida continuamente e se non te ne accorgi………..

120 Australia 133 Australia 123 Australia

L’arrivo a Cooper Pedy mi da molta soddisfazione. Questa prima prova siamo riusciti a superarla sia io che la vespa e mi ha preparato per la grande traversata del Gibson Desert, che dovrò affrontare più avanti.

Ritrovo l’asfalto della Stuart Highway e la distanza che mi separa da Ayers Rock, passando prima da Alice Springs, è di 2000 Km tutti senza una curva. I giorni passano in fretta e piano piano mi inoltro sempre di più nel Red Centre. Il clima cambia: ora ci sono le tipiche escursioni termiche delle zone desertiche e sembra incredibile che di giorno ci siano 30° e di notte si scenda in prossimità dello zero.

138 Australia  251 Australia  258 Australia

Tre giorni estenuanti, ma ricchi di fascino in queste distese infinite, l’unica compagnia un po’ speciale sono state le Aquile che, all’inizio mi hanno un pò intimorito; una mattina ne ho contate 13, ma poi la loro presenza è diventata rassicurante, come se con i loro voli eleganti, queste regine del cielo, vegliassero su di me.

164 Australia  153 Australia   168 Australia

Ad Alice Springs mi fermo un paio di giorni e faccio un’escursione nel Mac Donnel Range, una bassa catena montuosa dove si trovano valli con panorami spettacolari, canyon e formazioni rocciose molto interessanti.

243 Australia 238 Australia 249 Australia

Si riparte; e l’eccitazione cresce perché stasera mi incontrerò con Ayers Rock, il famoso monolito chiamato dagli Aborigeni Uluru (Madre Terra).I calcoli li ho fatti giusti e arrivo proprio al tramonto e il rosso così intenso davanti a me ha del surreale; rimango incantato a osservarlo, fino a quando spuntano le stelle. E’ veramente mistica questa grande Roccia in mezzo al deserto, ora capisco perché gli Aborigeni  la considerano così importante e la rispettano.

217 Australia 219 Australia 214 Australia

A malincuore dopo aver fatto una visita anche alle Olgas, devo ripartire lasciandomi alle spalle questi gioielli della natura.

 

Davanti a me ho 1200 Km di deserti: il Gibson Desert e il Great Victoria Desert, la pista che li divide si chiama Great Central Road e passa per una buona parte sulle terre degli Aborigeni (Aboriginal Land).

Prima di lasciare Alice Springs, mi sono procurato i permessi per poter transitare sulle terre aborigene e adesso ai miei occhi si apre questa pista rossa, che dal Red Centre, mi porterà di nuovo a sud verso Perth, ed è tutta un’incognita. Ho chiesto informazioni alla polizia sulla pista che avevo intenzione di percorrere, ma sono rimasti molto perplessi per non dire sconcertati; quando gli ho fatto vedere il mezzo che utilizzavo a quel punto mi dissero: è una sua scelta ma consideri che viene percorsa solo con mezzi fuori strada, è poco frequentata e i rifornimenti di acqua e benzina sono ogni 250- 300 km e non c’è nessuna assistenza..

267 Australia 281 Australia 290 Australia

La voglia di avventura è troppo forte, mi faccio coraggio, avvio il motore e dopo un’ultima occhiata alle Olgas, inizio la tappa più a rischio del mio itinerario. La media giornaliera è di circa 250 Km, così mi rendo conto che se va tutto per il meglio, ci vorranno 5 giorni.

269 Australia 280 Australia 279 Australia

Oggi è il secondo giorno e a parte l’ovvia stanchezza che mi procura questo tipo di guida, il resto va per il meglio, la vespa risponde bene alle tremende sollecitazioni a cui la sottopongo e le sensazioni che mi pervadono sono molto forti. Il paesaggio cambia in continuazione e la solitudine che ho trovato qui è veramente speciale.

296 Australia 264 Australia

Con un colpo di fortuna riesco ad avere il permesso di entrare in una comunità aborigena, con l’assoluto divieto di fotografare, per quanto poco posso aver visto della vita degli Aborigeni, la loro realtà purtroppo è stata cambiata totalmente dalla presenza dell’uomo bianco  in modo traumatico e negativo, vivono in una sorta di limbo tra la civiltà d’oggi e quella del passato e come è accaduto agli indiani d’America sono caduti nella micidiale trappola dell’alcool o dei vapori della benzina, mi auguro che riescano a trovare di nuovo le vie dei canti che hanno perduto.

309 Australia 313 Australia 308 Australia

Sono quasi arrivato, oggi è l’ultima tappa ed essendomi spostato più a sud, il tempo è peggiorato ed è iniziato a piovere e questo è un grosso problema perché la pista è diventata un pantano. Sono a pezzi, dopo 4 cadute e impantanamenti vari, sono costretto a farmi gli ultimi 70 Km al buio, prima di arrivare a destinazione.E’ andata bene: ora dopo una visita a Kalgoorlie, città delle miniere d’oro, devo raggiungere Perth, dove potrò acquistare dei pneumatici, perché quelli di scorta sono terminati.

378 Australia 315 Australia 322 Australia

Che esperienza! Stento a crederci, dopo una settimana nei deserti, il ritorno nella civiltà fa uno strano effetto…erano meglio i deserti! Scherzo; Kalgoorlie è una cittadina che ha mantenuto l’aspetto di una volta, dei tempi dei cercatori d’oro. Dopo una visita interessante a una miniera, riprendo la Highway ; la velocità di crociera è aumentata e riesco a coprire i Km che mi mancano per arrivare a Perth in un giorno. Piove e lo scoppio del pneumatico posteriore mi fa fare una brutta caduta, fortunatamente senza gravi conseguenze. Ormai sono arrivato e finalmente dopo l’acquisto dei nuovi pneumatici e di un cerchione, visto che le sollecitazioni l’avevano spaccato, posso rimettermi in viaggio con maggiore sicurezza. Prossima tappa: Pinnacles.

390 Australia Australia 407 Australia

Il deserto dei Pinnacles è incredibile, l’Australia mi sta riservando una sorpresa dopo l’altra, queste rocce che spuntano dalla sabbia ti lasciano senza parole, la notte la passo su una spiaggia completamente deserta e prima di addormentarmi davanti a un fuoco, mi scorrono le immagini di questi ultimi giorni fantastici.

Sono tornato alle temperature rigide e mi aspetta la risalita del 5° Continente fino a Darwin, 4400 Km, dove troverò i tropici. Prima ho ancora due tappe, una per me molto importante: i Delfini di Monkey Mia.

437 Australia 455 Australia 431 Australia

Sveglia alle 6.3O, per trovarmi sulla spiaggia in tempo per questo evento speciale, l’arrivo dei Delfini. Che eccitazione vederli saltare all’orizzonte e dirigersi a questo appuntamento con l’uomo. Ha dell’incredibile! I Ranger vigilano, affinché nessuno li importuni e dopo un paio d’ore di sguardi reciproci riprendono il largo, lasciandomi una enorme gioia nel cuore.

425 Australia 604 Australia 626 Australia

La vespa accusa un po’ di stanchezza e prima di rimettermi in viaggio sostituisco le puntine ormai usurate. In un giorno copro la distanza di 600 Km per giungere a Coral Bay , dove mi riposo per un paio di giorni, prima della lunga tappa fino a Darwin.

625 Australia 466 Australia 523 Australia

618 Australia 587 Australia 497 Australia

Lascio Coral Bay  con le sue bianche spiagge  e i suoi pesci coloratissimi. I rettilinei sono veramente estenuanti, ormai sono al giro di boa. Sono a quota 10.000 Km. Miliaia di termitai, Baobab dalle dimensioni impressionanti, Broome la città delle perle, Katherine con le sue gole incredibili.

745 Australia

Dopo 10 giorni raggiungo Darwin; un pò deludente, me l’aspettavo più viva; così non mi fermo e proseguo per il Kakadu National Park.

Australia Australia 751 Australia 824 Australia 921 Australia 744 Australia

La prima tappa è a Jabiru dove si trovano delle pitture rupestri aborigene di più di 20.000 anni. Proseguo per Coinda, dove farò una crociera sulle Yellow Water. Coccodrilli, cormorani, canguri, pellicani, cavalli selvaggi, è il paradiso terrestre! dove tutti gli animali vivono indisturbati. E’ splendido: è come vivere in un documentario.

Purtroppo il tempo stringe e a malincuore devo lasciare questo paradiso, per riprendere il mio viaggio e la meta é ancora molto lontana. Prima devo raggiungere la costa e poi andare in direzione sud, fino a Sydney.

966 Australia 990 Australia 987 Australia

Recupero tempo: rinuncio ad effettuare soste e copro la distanza di 3000 km in meno di una settimana per raggiungere  Cairnes. La fortuna non mi assiste e, dopo due giorni di pioggia, decido di spostarmi più a sud alla ricerca del sole, ma le cose non cambiano, il tempo mi é avverso, quindi proseguo fino a Byron Bay, dove finalmente trovo relax e sole in abbondanza.

1068 Australia 1033 Australia 1032 Australia Australia 1040 Australia 1018 Australia

1025 Australia 1005 Australia 1076 Australia

Metto a riposo la vespa per qualche giorno, dopo avergli sostituito il pistone per l’incollaggio delle fasce che ha causato la perdita di compressione, mi dedico allo sport più famoso in Australia, il surf. Prendo delle lezioni e mi diverto moltissimo, anche perché incontro ancora i delfini, che fanno surf  sicuramente meglio di me. Dopo 5 giorni splendidi, mi rendo conto di essere giunto al termine del mio viaggio. Mi separano 800 km da Sydney e mio malgrado mi sono messo a fare il conto alla rovescia: tra meno di quarantott’ore raggiungerò la mia meta.

1087 Australia 1127 Australia 1131 Australia

Ore 17.15 del 27 settembre: sono sull’Harbour Bridge di Sydney; mi sembra impossibile, ma ce l’ho fatta e nel percorrere questo stupendo ponte, mi torna in mente il giorno della partenza, quando ancora non potevo immaginare l’incredibile avventura di un sogno lungo 20.000 km.

Roberto Bozzo